Pubblicato in: Serie TV

“Dr Horrible’s Sing-Along Blog”

Dr. Horrible’s Sing-Along Blog è una webserie in tre atti del 2008 prodotta esclusivamente per una distribuzione via internet. L’opera racconta dell’aspirante supercriminale Dr. Horrible, della sua nemesi Captain Hammer, e del loro amore Penny

title

Che Joss Whedon fosse un gran pezzo di regista, ce ne eravamo accorti con “Buffy L’Ammazzavampiri” agli inizi e con i due “Avengers” successivamente. Ha anche lavorato alla sceneggiatura per robetta da niente, tipo chessò… “Toy Story”, “Quella Casa Nel Bosco”, il primo “X-Men” e molto altro.

Tutto nasce durante lo Sciopero degli Sceneggiatori, avvenuto tra il 2007 e il 2008, evento che ha bloccato la produzione televisiva degli amerrrigani.

Continua a leggere ““Dr Horrible’s Sing-Along Blog””

Annunci
Pubblicato in: Disagio

Obiettivo Sbloccato: “Quarto di Secolo”

Oggi è il mio compleanno.

*Momento di silenzio in cui mi aspetto i vostri auguri*

…nessuno? E va bene, simpaticoni.

Dicevo, oggi è il mio compleanno.

Per la precisione il mio VENTICINQUESIMO COMPLEANNO (scritto così mi fa ancor più paura) ed è un traguardo particolare per me. Un traguardo che per certi versi trovo ancor più rilevante dell’aver compiuto 18 anni.

Intendiamoci, non è che da domani la mia vita cambierà  di colpo ed andrò in giro a urlare “bella raga, guardate tutti quanto sono adulto”, mentre la gente si strapperà le mutande al mio cospetto.

xDrAUUJ.gif

Quando diventi maggiorenne sei troppo preso da una serie di importantissime novità, per iniziare a fare un bilancio sensato della tua vita. Patente, fine del liceo, università, lavoro, dover guardare la polizia con un po’ meno d’aria da sbruffoncello ecc..

A 25 anni puoi avere uno sguardo già un po’ più saggio, avendone già trascorsi SETTE (checcosa???) da persona adulta e responsabile.

Ad ogni modo questo mercoledì, come di consueto, c’era la “Serata Pathfinder” in cui io e altri nerdoni ci troviamo attorno a un tavolo coperto di dadi, fogli di carta e matite, mentre per qualche ora dimentichiamo il grigiore di Milano e ci tuffiamo in vaste e magnifiche vallate a caccia di mostri. (Perché va bene diventare adulti, ma è meglio non esagerare).

Tra una missione e l’altra, non ho potuto non pensare a quanto il gioco di ruolo sia paragonabile alla vita reale, aiutandomi a riflettere su me stesso.

Iniziamo tutti con una scheda bianca, in cui non vi è scritto altro che il nostro nome. Dopodiché il nostro personaggio inizia a prendere vita, con le proprie caratteristiche e peculiarità.

Se fossi davvero in un mondo fantasy, probabilmente la mia classe sarebbe quella del bardo. Molto più bravo a intrattenere e divertire gli altri personaggi, che non a combatterli con la forza bruta. Più abile con le parole ed il liuto, piuttosto che con la spada.

wp-1486750510984.jpeg

Il resto della scheda è tutta una questione di scelte e riflessioni, ma anche di tiri fortunati.
Ho avuto, come chiunque, tantissimi tiri sfortunati, pessime decisioni e anche qualche Fallimento Critico. Però hey…la mia quest non è ancora finita.

critical-fail-d20-illustration-sign-dungeons-and-dragons-rpg--211370.jpg

E a tal proposito, qual’è la mia quest finale? Quale sarà il mio drago da sconfiggere e in quale oscura fortezza si nasconderà?
Tra una battaglia e l’altra, tra tante missioni fallite ma anche tanti tesori guadagnati, ho avuto svariate indicazioni su quale può essere la mia strada. Anche se, dopotutto, chi può mai sapere cosa ha in serbo per noi il Game Master?

Fino alla scorsa settimana, pensare al mio raggiungimento dei 25 anni mi metteva sempre angoscia e malinconia.

Ho invece realizzato che sarebbe meglio considerare questo primo quarto di secolo come ad lungo addestramento.
Ho acquisito sempre più punti esperienza, ho superato ostacoli che credevo impensabili e mi sono buttato nelle missioni più svariate e spesso assurde.

E ora mi ritrovo con il corpo un po’ ammaccato da qualche incidente di percorso, ma ancora solido sulle proprie gambe. Ho trovato la mia “Principessa da salvare” (che sarebbe più corretto definire “La Principessa che mi ha salvato“) e ho accanto a me, da tempo immemore, dei compagni d’avventure  scalmanati come il sottoscritto, ma che Frodo e Aragorn pagherebbero per avere in squadra.

Forse la mia vera quest inizia solo adesso.

Perciò, se volete scusarmi, io prendo i miei dadi e vi saluto.

Ho un avventura che mi aspetta.  

Rogue-Ranger-Archetypes-FI-970x545.png

 

 

 

Pubblicato in: Disagio

E così hai ripreso a bloggare…

giacomino

Nuova veste grafica, nuovo nome, nuovo indirizzo web, ma stesso identico pirla delle altre volte. Che però sia quella buona questa?

Ho quasi 25 anni e sarebbe anche opportuno iniziare ad avere più costanza nel fare le cose.

Volevo già portarvi un nuovo post, invece di questa sciatta introduzione, ma hey… non allarghiamoci adesso eh.

Saluti e baci.

Rob